GUERRA! ANCORA GUERRA!

di natale capodiferro

NESSUNA GUERRA. NOI NON VOGLIAMO LA GUERRA. SIAMO PACIFISTI E LA NOSTRA COSTITUZIONE LO RIVENDICA

Il termine GUERRA dovrebbe farci tremare tutti ma pare che qualcuno(il Ns Ministro Gentiloni e il Capo buontempone dei Cristiani), ultimamente, si sia dimenticato di tutti i movimenti di pace e di porgere l’altra guancia e, soprattutto, di cosa sia stata e di cosa possa essere capace quella “parola”(forse che le immagini, a questo punto, posso dire, sono solo immagini, piatte e direttamente o trasversalmente avulse dalla realtà fisica).
Non fa più paura allora la parola guerra? Si che dovrebbe, direbbero quelli che rigirandosi nelle tombe l’hanno assaggiata, provata e ne hanno seguito gli sviluppi sulla propria pelle e sul dolore provato che, evidentemente, oggi pare annullato, sconfitto. Guerra è oggi immagine, uno in più o in meno fa niente! È nel computo delle vittime prevedibili e “sacrificabili”, direbbe il Pentagono e qualche altro servizio militare nazionale o estero. Io non sono sicuro che le parole dell’uno e dell’altro siano parole di pace, sicuramente parole senza significato, rapportato a quello che producono: crociatismo e sottomissione religiosa del laicismo.
E sì perché, questi due parlano per tutti e quando l’uno avverte sarà guerra se…. e l’altro pontifica a favore di un pugno reso se…..qualcosina dovrebbe farci pensare, per la miseria. Possibile che siamo tutti opachi e senza imprimitur e tali da farci soggiocare-mediaticamente- da chi ha i riflettori puntati secondo dopo secondo? Possibile che si metta nel conto della pace, la guerra, e che , magari, dovremmo andare in giro con i guantoni. Possibile sia solo questo! E che ciò venga da uomini illuminati da Dio e dalla Cultura!
Dov’è l’analisi della situazione? Chi ha condotto e ha fornito e sta fornendo armi ora a questi gruppi, o isolati, possessori del Credo di Dio Divino e Superbo. Che non vedo diversi da chi interpreta, per mio conto però! Ovvero perchè non abbiamo una politica di Pace e ne vogliamo, nella migliore situazione dialettica, di Difesa o Intervento umanitario da giustificare previo la NATO o l’ONU. Io non autorizzo Gentiloni a dire che andremo in guerra, seppur di difesa. Io non autorizzo il Papa a dire che dovremmo dare un pugno a chi dice o disegna mia madre in posizione fallace. Autorizzo, perchè questo è il mio volere, a spendere soldi per la costruzione di scuole, ospedali, centri di ricerca e affini, affinchè tali popolazioni abbiamo la possibilità di utilizzare il loro libero arbitrio nelle loro scelte(laiche o religiose che siano) e non condizionato da chi ci specula.
Come ben si sa dopo la guerra(speculazione) ci sarà la ricostruzione(speculazione) e così che il ritornello ciclicamente e periodicamente si riproduce per fare affari, businness. Che c’entri il petrolio, non v’è dubbio, che vi entri la religione è solo un pretesto in cui-pare- sono caduti i capi religiosi attuali, sia per disanima sia per sillogismo. In buona sostanza, diceva il mio docente di analisi matematica, a tutti conviene, per un verso o per l’altro che esistano, sempre, idee eversive che fanno della violenza la politica vincente, poichè questa crea denaro e il denaro si sa, quando non c’è la crea. Che c’entri la geopolitica, anche e che ritengo la principale causa di ciò che sta maturando(non avvenendo). In questo momento particolarmente denso di trattai segreti è il chiaro segno che gli equilibri sono saltati e se saltano gli equilibri salta il denaro, per noi più costi-visto cosa successo con la Russia. La rincorsa allora avviene in maniera nascosta. I trattati TTIP/TISA vengono dunque controbilanciati da quelli BRICS non solo a livello commerciale/amministrativo(per il momento), ma sollevano dubbi ed incertezze sui porti e sui territori di nazioni che dovranno partecipare al libero scambio dell’una o dell’altra. Specificatamente quei territori appetibili sotto il profilo tecnico-tecnologico-commerciale o degli scambi-sarebbe scandaloso parlare dell’occupazione Russa(nessuno lo dice ma è così) dell’Ucraina, sarebbe scandaloso parlare di occupazione di Hong Kong da parte della CINA o parlare di ISIS-da parte degli Stati Arabi( e dell’occupazione di aree di grande valore commerciale petrolifero ed altro), come un enorme contenitore, che prima foraggiato dagli americani ed europei contro la Siria, adesso usa la religione con un fittizio profitto da raggiungere e pretesto per scopi diversi dalla religione-basti pensare a quella manovrina strana che per circa un mese e mezzo è passata alla riduzione del prezzo dei barili ad aumentare, dalla settimana scorsa, adesso che Draghi e la BCE hanno varato il Quantitaive Easing. Per non parlare dell’Iran(Sciiti-Imam) e dei sunniti(Califfo-Isis) e di Boko Haram in Nigeria, della Turchia e dei Curdi, delle popolazioni latinoamericane che desiderano gloria economica-dopo che hanno patito l’inferno dei derivati, e chi l’ha già come l’India tende a consolidarsi con i Brics.
È chiaro un progetto di spartizione economica senza fine di cui noi e i nostri territori siamo gli ultimi anelli.
Se pensassimo e valutassimo, per un attimo, le nostre politiche o meglio, le politiche pseudo-economiche dei nostri paesi, come causa producente quella che oggi vorremmo si chiamasse Guerra, arriveremmo a capire, molto probabilmente, la fallacità che le stesse hanno avuto.
Intervenendo su di esse, variandole in funzione delle singole nazioni, oggi sarebbe possibile, creando dei presupposti di economie per economie, cioè io produco questo e tu produci quello e con l’interscambio finalizzare un mondo di interazione e condivisione commerciale che darebbe a tutti le medesime possibilità.
Poi pensiamo alla democrazia e ci appare, come fatto meramente oggettivo, che la nostra sia la democrazia da importare, anche in quei territori che sono mille anni indietro, non valutando che in quelli vivono sistemi umani che soggiacciono a regole, laiche o religiose, che si sono radicate secondo una naturale evoluzione da millenni. E vorremmo cambiarle, tutto d’un tratto e tutto insieme. Ma ci vedete una società fondata ancora sulle famiglie e sugli anziani partecipare al teatrino parlamentare italiano di questi giorni, anzi, ahimè, monoteatrino? Si guarderebbero ben bene tra di loro ammiccandoci a degli stupidi, su questo non v’è dubbio. E a veder la Grecia elemosinare tempo per i pagamenti degli interessi su somme anticipate solo digitalmente quando lì ancora si baratta e si decidono le azioni per vivere. Sarebbe dunque impensabile. Questo però sta succedendo ed è già successo. La traduzione di Boko Haram si rileva più o meno così: «l’istruzione occidentale è proibita»; è tutto dire direi e ben spiegato, lasciateci la nostra cultura, a voi la vostra.
Ma gli interessi sono interessi, ma sono i nostri interessi? Per cui, molto probabilmente, non è la Guerra che si instaurerà per la difesa dei territori e della cultura e della religione dell’occidente, ma una Guerra Economica che ridistribuirà i territori a chi ne potrà utilizzare le sue materie e i suoi prodotti, magari pragmaticamente come i Romani, lasciandogli un esercito, una giustizia ed una religione. Il resto può attendere.
PER QUESTO NOI NON VOGLIAMO LA GUERRA PERCHE’ NON E’ LA NOSTRA. VOGLIAMO INVECE LA PACE E IL RISPETTO DEI POPOLI E DELLE RELIGIONI.
SIGNOR MINISTRO E SIGNOR PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VOI NON DOVETE NE POTETE DECIDERE NESSUN TIPO DI GUERRA PER NOI

Annunci

5 pensieri su “GUERRA! ANCORA GUERRA!

  1. Potevano lasciarci la Libia. Avremmo saputo gestire meglio la situazione, Chiaramente non l’avremmo modificata rispetto il sottosttante della moneta per i Francesi nel mondo Africano,ed altre cosucce anche per Inglesi ed Americani. Ora la frittata è stata fatta. Non sanno come petervi porre rimedio con una normale politica estera.

    Mi piace

  2. i francesi in questo sono pericolosi. tutto è iniziato da lì’. hanno fornito armi ai ribelli e poi hanno attaccato senza l’ok della nato-onu. se si fosse agito insieme agli altri, molto probabilmente, avremmo avuto un governo libico più coeso e forte. in effetti la libia è stata lasciata al caso proprio per questo: per far risaltare le iniquità dei francesi&C che hanno voluto la libia per il petrolio(diretto che avevamo noi) e staccarci da quel seno e renderci più dipendenti. geopolitica o complottismo?

    Mi piace

  3. Rivediamo la profezia di Gheddafi..ilsovranista.it/le-profezie-di-gheddafi-sul-futuro-della-libia-colonizzata-dai-fondamentalisti-islamici/ Recriminare Sarkosi e gli altri, ma perchè ci devono mettere in queste condizioni?

    Mi piace

  4. caro dino, ti posso dare un consiglio, che è quello che do a me stesso e agli alunni, leggi tanto di quel tema di tutte le tipologie, poi prova a fare una tua sintesi, vedo che ti perdi nei link, non tutti hanno questo tempo e qualche articolo di scenari e sovranista sono proprio insopportabilmente suffragati solo da se stessi. mi hanno sempre insegnato che per stare nel giusto mezzo ed avere equilibrio(qui parlo di idee non di indole) bisogna conoscere tutte le opinioni, poi si tirano le somme. non so proprio come tu faccia, certe volte, a collegare e fissarti su un pezzo, quando di questo hai letto solo quell’opinione. sarà pure gratuita ma è una critica che ti muovo e spero tanto che limiterà il linkaggio continuo, non perchè scomodo, per carità, ma fuorviante. natale

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...