destinazione di parte dell’irpef pagata individualmente al proprio conto individuale pensionistico

di giancarlo celeste  destinazione di parte dell’irpef pagata individualmente al proprio conto individuale pensionistico

attraverso una legge del 1989 sono ormai 25 anni che lo stato italiano versa all’inps somme sempre più ingenti allo scopo di coprire gestioni assistenziali o gestioni previdenziali. per quanto riguarda le gestioni previdenziali nel 2011 lo stato ha trasferito 30 ml di euro prelevate dalle tasche dei cittadini a copertura di oneri previdenziali. l’operazione di copertura poteva essere fatta aumentando i contributi e diminuendo le imposte . il risultato finanziario sarebbe stato diverso, in quanto oggi quello che viene versato dai cittadini non incremento il monte contributivo e quindi le future pensioni, ma serve per coprire i deficit attuariali della vecchia gestione a ripartizione. offro a questo forum la possibilità di discutere sulla opportunità di destinare parte della nostra irpef individuale al nostro conto individuale di pensione. per chi non lo sapesse ancora il nostro sistema chiamato contributivo si base sul principio che la tua pensuìione sia direttamente proporzionale a quanto versato ( montante contributivo ) e alla età di inizio della percezione della pensione ( attraverso il coefficiente di trasformazione del montante contributivo in pensione annua ). per 25 anni i nostri soldi sono stati destinati a coprire i deficit attuariali oggi io propongo che i primi 2.000 euro della nostra irpef vengono destinati direttamente ai nostri conti individuali. aspetto condivisione della proposta per iniziare a codificare la proposta.

ogni cittadino versa a sua insaputa una parte dell’irpef che versa allo stato attraverso una disposizione di legge del 1989 chiamata Gias.( tale gestione è stata creata per versare denaro all’ente previdenziale più grande) senza tuttavia accreditare nulla sui conti individuali dei contribuenti:
prendo esempio dal bilancio inps 2011.
inps registra 140. 000 miliardi di pensione pagate e 150. mld di contributi ricevuti.
poi dichiara che le pensioni sono state integrate con legge dello stato attraverso il gias,e dichiara di aver ricevuto 30 mld per cui nel suo conto pensionistico risultano
170 ml di pensioni e 180 mld di introiti. tra questi introiti ci sono 30 mld di irpef che lo stato ha girato all’inps ,ma i cui introiti non vengono attribuiti ai conti dei cittadini solo perchè lo stato li da indistintamente. la mia proposta parte dal fatto che se una norma di legge stabilisse che 2.000 euro di ogni dichiarazione dei redditi confluissero direttamente ai conti individuali ogni cittadino si troverebbe accreditato ogni anno di 2.000 euro il proprio conto presso l’inps e presso gli altri enti previdenziali.
quello che prima lo stato versava indistintamente ora lo versa dividendo l’importo per ogni cittadino, per cui non c’è alcun esborso da parte dello stato e nessuno esborso da parte del cittadino, ma diciamo che ad ogni cittadino per 25 anni non hanno accreditato nulla ora devono accreditargli quanto versato. diciamo che duemila euro sono in realtà non più irpef ,ma contributo previdenziale.

Annunci

Un pensiero su “destinazione di parte dell’irpef pagata individualmente al proprio conto individuale pensionistico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...