GLI ERRORI DI TSIPRAS

di giancarlo celeste    GLI ERRORI DI TSIPRAS

I governanti del movimento Greco sono prigionieri dei loro limiti intellettivi che sono:

Non comprendere che l’euro è una dittatura finanziaria centralizzata attraverso la quale si mettono in difficoltà i membri deboli con politica finanziarie restrittive diminuzione di massa monetaria m3 ( titoli di stato) con emissione di m1 crediti a privati( selezionati). La diminuzione dei massa monetaria ( m3) genera la diminuzione complessiva di moneta ed un calo della domanda ,questo provoca un abbassamento del pil.
Credere che possa esistere una politica monetaria che sia fatta per l’interesse delle nazioni da parte della troika.
Non prevedere per ciò la possibilità di uscire dall’euro e dalla unione europea.
Se il governo greco avesse adottato questa strategia non avrebbe restituito la liquidità nel paese al fondo monetario e se la sarebbe tenuta per fronteggiare i primi mesi dopo l’uscita dall’euro. Per voler inseguire il sogno di euro buono per politiche espansive ha portato il paese a questa farsa del referendum. Se perdono il referendum i governanti greci vanno a casa o al massimo fanno un governo di coalizione con gli europei convinti negando di fatto le promesse elettorali , se vincono il referendum hanno detto che riaprono le trattative per ottenere condizioni migliori dalla troika. Un capolavoro politico! Si mette la Grecia in condizione di dover affrontare una situazione difficile dove nella migliore delle ipotesi si ottiene un piccolo vantaggio ,mentre nella peggiore delle ipotesi si dovranno cedere per un tozzo di pane i giacimenti petroliferi che è la condizione che sicuramente chiederanno i nemici della Grecia per poter dare un pò di liquidità. Ci si chiede se i governanti greci siano in buona fede ( ed allora sono degli sprovveduti) o sono in malafede e stanno mettendo la Grecia nella condizione di svendere tutto per un pezzo di niente.

Quello che sta accadendo con la Grecia ,se vincessero i no stroncherebbe ogni possibilità di uscire dall’euro sia per la Spagna che per il Portogallo e domani anche per l’Italia. Se vincessero i si , non ci saranno problemi per la troika in quanto i greci faranno finta di accettare le condizioni imposte dalla troika che definiranno migliori di quelle accordate in precedenza, ma lascerebbero tutto invariato dal punto di vista sostanziale comportandosi i governanti greci come tutte le organizzazioni politiche opportunistiche, cioè grossa opposizione verbale per far credere di difendere gli interessi nazionali, ma nulla o poco nulla nella sostanza.

Annunci

Un pensiero su “GLI ERRORI DI TSIPRAS

  1. Molto bello l’articolo che fa un chiaro quadro dell situazione..La domanda alla quale sono chiamati i Greci e’ complicata.
    La posizione di Tsipras e’ ambigua.
    Il 60% dei greci è favorevole a restare nell’euro e l’80% nella Ue.
    Intanto i ricchi greci hanno portato i loro quattrini all’estero, indisturbati.
    Obama e la Cina lo appoggiano purché resti nell’euro.
    Se vince il sì Tsipras dovrà indire nuove elezioni, a meno di non lasciare il governo in mano al governatore della banca centrale.
    Comunque sia,comunque vada,chi restera’ l’ultimo fanalino di coda o chi tirera’ le fila..resta un fatto..ogni Paese agisce ormai da tempo secondo logiche personalistiche, che non tengono più conto dell’idea per cui è nata l’Ue, ovvero che l’unione fa la forza.
    L’Ue nacque soprattutto per sanare una volta per tutti il rapporto tra debitori e creditori nel Vecchio Continente, rapporto che aveva di fatto portato all’ascesa di Hitler ed alla seconda guerra mondiale a causa del trattamento ricevuto dalla Germania dopo la Prima Guerra Mondiale. Il senso del progetto europeo era legarsi per stare insieme e discutere allo stesso tavolo. Attualmente si puo’ solo prendere atto del fallimento di questa idea.
    Al massimo si ricade nell’errore di esaltare la singolarità delle culture nazionali, dimenticandoci di progredire lentamente ma inesorabilmente verso l’unione culturale per un progetto più ampio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...