I DISASTRI NATURALI E LO SFRUTTAMENTO DEL TERRITORIO

di claudia5S   I DISASTRI NATURALI E LO SFRUTTAMENTO DEL TERRITORIO

disastrie-territroio
I termini «catastrofe» e «disastro naturale», che i nostri politici usano cosi’ frequentemente, fanno invece immediatamente balzare alla mente immagini di terremoti, eruzioni vulcaniche, maremoti, uragani,paesaggi devastati dalla furia della natura che come sappiamo in questi casi non puo’ essere fermata ne’ da previsioni ,ne’ da interventi..e questi purtroppo accade in molte parti del mondo con gravissime perdite umane..ma quello che accade nei nostri paesi,nelle nostre citta’ nella nostra nazione,non ha come abbiamo detto niente a che fare con tutto cio’..
Qui si tratta di cause artificiali che, negli anni, hanno portato all’incremento, in frequenza ed intensità, della potenza dei fenomeni: la cementificazione e lo sfruttamento del territorio, il disboscamento, la mancata manutenzione del territorio contribuiscono a rendere devastanti fenomeni naturali già, per natura, intensi.
Anche agricoltura e allevamenti sono chiamati in causa: sfruttare in maniera intensiva i campi con colture e tecniche errate, o arare pendii e declivi per destinarli al pascolo, modifica in maniera irreparabile le caratteristiche di un determinato territorio, rendendolo innaturale.
Poi abbiamo messo in evidenza l’abusivismo edilizio che è una delle piaghe di tutto il territorio italiano; indipendentemente dalle calamità naturali, le costruzioni che sorgono senza alcun permesso edilizio lungo le coste, nei parchi naturali protetti o in quelli archeologici, depredano l’Italia di quella che è una delle sue ricchezze principali,come diceva Natale: la singolarità e la bellezza del suo paesaggio.
Invece ville con piscine su declivi, case lungo gli argini dei fiumi sorgono senza alcun permesso e senza cura degli effetti che tale costruzione potrebbe avere sul territorio, mettendo così in pericolo la propria vita e quella degli altri cittadini.
Ed ecco che come abbiamo detto, a sanare opere non autorizzate arrivano condoni che, ciclicamente, mettono in regola situazioni che, però, non potrebbero essere regolarizzate.
A cio’ si aggiunge la mancanza o il mancato sfruttamento di fondi strutturali e di risorse che garantiscano la manutenzione del territorio: il risultato di tutto questo quadro, purtroppo, è quello sulla pelle di tutti.. le nostre Regioni mostrano gli effetti della forza distruttiva della natura che e’ stata abusata.
Reati ancora “in flagranza”, quando continuano a verificarsi i dissesti e si continuano a pagare migliaia di miliardi per porre riparo ai guasti mortali provocati da chi usa i nostri soldi in altro modo ..

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...