NON HA VINTO NESSUNO, POTREMMO VINCERE!

di mauro artibani   NON HA VINTO NESSUNO, POTREMMO VINCERE!

nessumo-vince

Io che per ruolo spendo per fare la crescita economica, sono un giovane che non ha lavoro, un vecchio senza molto da spendere per surrogare la spesa di quel mio nipote, un ex “cetomedista” che spende meno di prima perchè prima aveva di più. Sono pure un benestante che ha speso, ma non tutto, perchè non ho bisogno di farlo, sono un diversamente in gamba che non può nè vuole perchè ho altro da fare, sono un pensionato che per l’amordiddio non ce la fa, sono un immigrato bisognoso di spendere ma senza il becco d’un quattrino, sono un emigrato e spendo dove sono andato.

Sono insomma tutti. Tutti quelli che, tutti insieme, non dispongono dei soldi neecessari a fare tutta la spesa che occorre per fare quella crescita che serve a tirarci fuori dall’impaccio.

Quelli che, secondo l’Ilo, si ritrovano con la quota del reddito da lavoro sul Pil ridotta al 65% contro il 75% che si registrava negli anni ’70.

Sono la Gente insomma che ha votato si, no, ni!

Ho vinto? Ho perso?

La Politica ha vinto?

Quella del Premier no; ha tentato di fare, per far fare la spesa, stiracchiando un paradigma economico vecchio come il cucco, non facendo gran che.

La Politica degli altri?

Quella dei 5 stelle che vogliono permiare con un reddito statale l’esser cittadino di uno Stato che già non può fare la spesa che gli tocca e ne farebbe ancor meno davanti alla “Decrescita”?

Quella dei novecenteschi destri e sinistri che si scazzottano per dare ai loro accoliti un reddito che non meritano?

Quella che tutt’insieme ci fa stare nella crisi dal 2007?

Chi ha vinto quando, stima l’Istat, il 28,7% delle persone residenti in Italia sono a rischio di povertà o esclusione sociale? Si, insomma quando si trovano almeno in una delle seguenti condizioni: rischio di povertà, grave deprivazione materiale, bassa intensità di lavoro.

Cacchio, noi stiamo perdendo e se perdiamo noi, lo giuro, non vince più nessuno.

Tra la Gente gira un tweet, lo firmano e lo ritwittano a quella politica, impegnata a sternutire tra chi ha vinto e chi prepara la rivincita.

Tweet x tweet dice: “La crescita si fa con la spesa. Così viene generato reddito, quel reddito che serve a fare nuova spesa. Tocca allocare quelle risorse di reddito per remunerare chi, con la spesa, remunera.”

La Politica deve ripartire da qui, dando insomma a Cesare quel ch’è di Cesare!

Tocca ad essa fare norme anormali, leggi leggere, regole che regolino; quel che gli spetta, insomma per meritare l’emolumento.

Ps: I cesari giudicheranno e voteranno!

Annunci

Un pensiero su “NON HA VINTO NESSUNO, POTREMMO VINCERE!

  1. LA POLITICA NON E’ TALENT O X-FACTOR…

    “RISULTATI COMUNARIE PALERMO:
    Hanno partecipato alla votazione 524 iscritti certificati residenti a Palermo che hanno espresso 2.233 preferenze. I cinque che hanno ricevuto più voti e che accedono al secondo turno per la scelta del candidato sindaco sono, in ordine alfabetico: Argiroffi Giulia, Caparrotta Giancarlo, Di Pasquale Franca Tiziana, Forello Salvatore e Gelarda Igor. La votazione per il candidato sindaco avverrà nelle prossime settimane dopo che si terranno le “graticole” a cui i candidati sindaco sono tenuti a partecipare”.(bolg M5S)

    E un sindaco, un primo ministro, non si possono scegliere online. con una graticola! Gli effetti negativi della selezione online li abbiamo già visti a Roma. Non basta questa esperienza al M5S?
    La selezione online individua chi è più abile davanti alle telecamere, Twitter, Fb, Meetup..

    Amministrare una città è un impegno terribilmente reale. Niente affatto virtuale. La politica è una grande responsabilità che hanno in mano il destino della gente e dei loro ideali.

    Chi guiderà una città e un Paese devi poterlo guardare negli occhi. Toccare. Devi conoscerlo. Devi vedere da dove viene per capire dove andrà. Così non si seleziona una nuova classe dirigente.

    Le idee hanno bisogno di persone per diventare concrete. Vive. E se vengono affidate alle donne e agli uomini sbagliati, falliscono. Peggio, vengono tradite.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...